Mercoledì, 19 Settembre 2018
RENDE

Unical, statini
firmati da un
docente in pensione

unical, Cosenza, Calabria, Archivio
unical

L’ignaro professore, dopo anni di faticose lezioni e interminabili sedute d’esame, si godeva la pensione con moglie e figli senza neppur lontanamente immaginare d’essere
ancora protagonista (si fa per dire) della vita dell’ateneo. L’inchiesta condotta dal pm Antonio Tridico ha svelato pure questo surreale retroscena degno di uno scritto di Eugen Ionescu. Il nome dello stimato letterato si perpetuava nel tempo non per i meriti scientifici che pur meritava, ma per promuovere un inganno ordito in danno del sapere e della società. Ma c’è un altro aspetto delle indagini che sembra destinato a provocare sorprese sgradevoli. Si riferisce alla posizione di due professori finiti sul registro
degli indagati ed ai quali il pubblico ministero sarebbe ormai pronto a contestare d’aver preteso “favori” particolari da alcuni studenti. Il contesto sarebbe di genere “boccacesco” e, forse proprio per questo, non filtrano indiscrezioni. Top secret sulle generalità degli indagati “eccellenti”.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook