Mercoledì, 19 Settembre 2018
COSENZA

La cosca “serpente”
e le pene definitive

cosca serpente, Cosenza, Calabria, Archivio
cosca serpente

I giudici di legittimità hanno confermato le pene comminate a: Lorenzo Lucchetta (8 anni), Gianfranco Sganga (8 anni), Pietro De Mari (8 anni), Giampiero Castiglia (8 anni), Francesco Brunetti (6 anni e 4 mesi), Giuseppe Caputo (6 anni), Massimo Carelli (5 anni), Fausto Sposato (5 anni), Gianluca Fantasia (2 anni), Roberto Porcaro (1 anno e 2 mesi), Massimo Donato (1 anno), Giuseppe Tripodi (8 mesi), Egidio Mazziotti (6 mesi). La storia dell’inchiesta culminata nelle condanne definitive è legata al nome anglofono di una “cimice” tanto piccola da sembrare invisibile; sensibilissima e capace di captare suoni e parole anche in condizioni impossibili. Si chiama “Incadigitale spectronic”: è una microspia d’ultima generazione.

I dettagli li trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook