Domenica, 23 Settembre 2018
COSENZA

L’ergastolano Greco
è nascosto in Spagna

Edgardo Greco, 46 anni, di Cosenza, è latitante dall’ottobre del 2006. La Corte di assise di appello di Catanzaro, nei mesi scorsi, gli ha inflitto l’ergastolo, ritenendolo corresponsabile dell’imboscata costata la vita, il cinque gennaio del 1991, ai fratelli Stefano e Giuseppe Bartolomeo. I germani, diventati troppo "autonomi" rispetto alle cosche cosentine, vennero massacrati a colpi di spranga all'interno di una pescheria all’epoca nella disponibilità dei fratelli Mario e Pasquale Pranno. I Bartolomeo furono attirati in trappola con la promessa della consegna di due giubbini: appena entrati nella pescheria fu sbarrata la porta e finirono con l’essere selvaggiamente colpiti da Edgardo Greco e altre quattro persone. I loro cadaveri vennero trasferiti in Sila e sotterrati. Tre anni dopo, nel 1994, furono disseppelliti e squagliati nell’acido per timore che, sulla base delle rivelazioni dei pentiti, potessero essere ritrovati. Nel gennaio del 1997, durante il maxiprocesso “Garden”, Greco chiese di collaborare con la giustizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X