Martedì, 25 Settembre 2018
TEATRO

Teatro dell'Acquario
il caso in municipio

acquario, comune, teatro, Cosenza, Calabria, Archivio

Convocare una seduta straordinaria del Consiglio comunale da dedicare all’esame della situazione del Centro Rat-Teatro dell’Acquario.E’ quanto chiede la Commissione cultura di Palazzo dei Bruzi al Presidente del Consiglio comunale Luca Morrone e al Sindaco Mario Occhiuto.La richiesta al Presidente dell’assemblea consiliare e al primo cittadino è stata formulata all’unanimità dalla commissione consiliare ed è stata indirizzata dal Presidente della Commissione Claudio Nigro, su proposta del consigliere Mimmo Frammartino, al termine dell’audizione alla quale è stato invitato il presidente del Centro Rat-Teatro dell’Acquario Antonello Antonante.Quest’ultimo ha esposto ai componenti la commissione cultura la situazione in cui versa la struttura teatrale di via Galluppi che rischia la chiusura dopo 32 anni di attività, a causa dei tagli, dell’80 %, al finanziamento destinato al Rat dalla Regione.Antonante ha ribadito in commissione cultura la decisione di non riuscire, fatta eccezione per il rispetto di quei pochi impegni presi in precedenza, ad allestire, per l’anno in corso, il cartellone della stagione del Centro Rat, per la prima volta dopo 32 anni. “Al posto del tradizionale manifesto con l’indicazione degli spettacoli – ha detto Antonante al Presidente Nigro e agli altri membri della Commissione – abbiamo affisso fuori dall’Acquario un manifesto bianco. Da un lato una provocazione – ha chiarito Antonante - , dall’altro un messaggio che vogliamo lanciare alle istituzioni per far capire loro che un manifesto bianco è sempre una pagina sulla quale si può ancora scrivere e raccontare qualcosa. Siamo sì arrabbiati – ha detto ancora il Presidente del Centro Rat – ma fiduciosi che qualcosa possa ancora cambiare.”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X