Giovedì, 20 Settembre 2018
COSENZA

I pizzini nel covo del
clan con armi e droga

illuminato, lanzino, Cosenza, Calabria, Archivio
illuminato

Ci sono tanti elementi inquietanti che emergono dall’operazione dei carabinieri che si è conclusa l’altro ieri pomeriggio con l’arresto di Antonio Illuminato. A parte il materiale sequestrato (nei due covi sono stati trovati anche alcuni pizzini di rilevante interesse investigativo) ci sarebbe da riflettere – i sociologi troverebbero addirittura mille argomenti per disquisire, sostenere tesi – sull’età dell’arrestato che ha solo ventun’anni. È veramente giovane Antonio Illuminato e questa sua gioventù – se le accuse, ovviamente, dovessero trovare concretezza, riscontri oggettivi–non gli ha impedito di assumere un ruolo di responsabilità. Gli investigatori, nel corso della conferenza stampa successiva all’arresto, hanno parlato di una sua presunta «organicità» al clan Lanzino. È giovane ed era pure incensurato Antonio Illuminato ed è cresciuto in una famiglia normale, perbene: il che rende le circostanze ancor più preoccupanti, in quanto troverebbe conferma la tesi secondo la quale ci sarebbe una rete d’insospettabili a mandare avanti e ad alimentare le attività economiche dei clan.

L'articolo completo lo trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X