Giovedì, 09 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Una donna rumena ha il cellulare del 78enne sparito
COSENZA

Una donna rumena ha il cellulare del 78enne sparito

di
Damiano Oriolo, Cosenza, Calabria, Archivio
Una donna rumena ha il cellulare del 78enne sparito

La donna del mistero. È stato individuato in Romania uno dei due telefoni cellulari di Damiano Oriolo, il pensionato di Lappano di cui non si hanno notizie da giovedì 6 aprile. Esattamente un mese fa. L’apparecchio cellulare è in possesso d’una donna che con ogni probabilità è coinvolta nella scomparsa del 78enne, oppure sa che fine ha fatto. O ha preso lei il telefonino dalle mani di Oriolo o lo ha ricevuto da chi lo ha sottratto al malcapitato, tra l’altro togliendo la scheda sim che conteneva ed è stata trovata poco lontano dall’auto assieme da altri oggetti appartenenti all’uomo in contrada Carrara di San Fili, zona montana da cui sono partite le ricerche condotte dalla polizia e coordinate dalla procura cittadina con il sostituto procuratore Donatella Donato.

La vecchia Opel Astra station wagon grigia di Damiano Oriolo, individuata fuori dal percorso stradale tra i boschi sanfilesi, aveva le chiavi ancora inserite nel quadro comandi e la portiera aperta. All’interno i poliziotti della squadra mobile hanno individuato una scarpa, un paio di pantaloni arrotolati, la dentiera, il portafoglio vuoto, un telefonino completo di sim e tre gocce di sangue: due sul sedile posteriore e una sullo sportello. Fuori dall’abitacolo, invece, l’altra scarpa, gli occhiali da vista e un’altra carta telefonica, anche questa intestata a Oriolo. Era nell’apparecchio individuato in Romania grazie al codice Imei e attivo con una nuova scheda all’interno: una sim che qualcuno ha comprato a Cosenza cinque giorni dopo la scomparsa del pensionato. La carta risulta intestata a una rumena che sarebbe nota agli investigatori perché in passato finita nell’inchiesta su una rapina ai danni d’un pensionato adescato e narcotizzato. Un particolare sul quale si concentrano le indagini di polizia e magistrati che sin dai primi momenti seguono con attenzione la pista della rapina, forse finita male. Poiché la mattina del giorno in cui è scomparso, Damiano Oriolo aveva incassato la pensione mensile di cui però non c’è traccia. I soldi sono spariti assieme al pensionato, probabilmente portati via da chi ha accompagnato (o trasportato?) Oriolo nella strada sterrata e isolata di contrada Carrara.

Facile ipotizzare che la magistratura inquirente lavorerà per sentire la donna rumena che ha in mano il telefono cellulare del 78enne. Dovrà spiegare come è finito in suo possesso e perché è tornata così repentinamente in patria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook