Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Muore durante matrimonio, la procura apre un'inchiesta
RENDE

Muore durante matrimonio, la procura apre un'inchiesta

di
matrimonio, morto, Cosenza, Calabria, Archivio
Muore durante matrimonio, la procura apre un'inchiesta

La festa che si trasforma in tragedia. Accade ad Amantea, durante un matrimonio e pochi minuti prima della torta nuziale di fine cerimonia. F.G.,68 anni, originario di Marano Principato avverte un malore proprio durante i festeggiamenti ed i brindisi degli sposi. Sudorazione eccessiva, dolori al petto, senso di vomito. Il tempo di farsi accompagnare da un amico al punto più vicino della guardia medica e la visita per capire la causa di quei malori. Pare che lì, in quella sede, il medico designato in quella notte, escluda la possibilità di un infarto in corso. Una serie di accertamenti medici, la misura della pressione arteriosa e la decisione di far andare via il signor F.G, nonostante questi sembrerebbe aver chiesto più volte un elettrocardiogramma. Ed invece il ritorno in sala con il decesso improvviso, dinanzi tutto e tutti. Da festa e gioia,ecco il dramma e le lacrime. Un medico amico, presente tra gli ospiti, cerca di rianimare il sessantoenne ma non c’è nulla da fare. Accovacciato a terra, il signor F.C. lascia la moglie ed un figlioletto di due anni. L’avvocato del foro di Cosenza, Massimiliano De Rose, per nome e conto della famiglia, ieri ha presentato una denuncia-querela presso la Procura di Paola «per l’accertamento delle responsabilità per le ipotesi di reato che vorrà riscontrare nei fatti occorsi e innanzi descritti, nel contesto ed in conseguenza dei quali si è verificato il decesso».

La famiglia spinge sul fatto che il loro amato padre e marito più volte abbia esternato, al ritorno dalla visita in guardia medica e accomodatosi in una saletta privata dell'hotel che ospitava, la sua preoccupazione per il malore evidentemente ancora in corso. Sul luogo sono intervenuti i sanitari del 118 ed i militari dell’Arma dei Carabinieri. «L’accadimento dei fatti introduce il timore ed il fondato sospetto di una errata interpretazione e sottovalutazione della gravità del malore che ha colpito il sigor C. Il medico di guardia – si legge nella denuncia - si sarebbe reso colpevole, per grave negligenza ed imperizia di non aver proceduto alla diagnosi e di non aver apprestato tutte le cautele che le circostanze avrebbero certamente imposto, non attuando impedendo atte ad escludere prestato le cure diagnosticato per grave negligenza ed imperizia , in ipotesi si sarebbe reso responsabile di non aver correttamente diagnosticato».

La moglie è pronta a costituirsi parte civile; mentre la salma è posta sotto sequestro presso l’ospedale di Cetraro. Ora toccherà alla magistratura far luce su quanto accaduto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook