Lunedì, 22 Ottobre 2018
RENDE

Omicidio Lanzino, tutti assolti

omicidio lanzino, rende, Cosenza, Calabria, Archivio
Omicidio Lanzino, disposta comparazione del Dna

Non fu Franco Sansone, imprenditore agricolo cinquantenne di Cerisano, a stuprare e uccidere la studentessa diciannovenne di Rende Roberta Lanzino, nel luglio del 1988. L’hanno stabilito i giudici della Corte di assise di appello di Catanzaro confermando il verdetto assolutorio già emesso lo scorso anno nei confronti dell’imputato dai giudici di Cosenza. Lo stesso Sansone era finito a giudizio, insieme con il padre, Alfredo, con l’accusa di aver fatto sparire per lupara bianca, nel 1989, il suo presunto complice nello stupro: Luigi Carbone, allevatore di Marano. I due imputati sono stati difesi dagli avvocati Enzo Belvedere, Armando e Clara Veneto. I congiunti della vittima si erano invece costituiti parte civile assistiti dagli avvocati Ornella Nucci, Francesco Cribari, Marina Pasqua e Elena Coccia. Il sostituto procuratore generale, Carlo Modestino, aveva chiesto l’assoluzione di Franco Sansone per il delitto Lanzino e l’ergastolo per l’assassinio di Carbone. Sia lui che il padre sono stati ritenuti innocenti.

Altri particolari potete leggerli nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X