Giovedì, 13 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
DECESSO SOSPETTO

Corigliano, avvolta dal mistero la morte del pentito Vincenzo Curato

di
'ndrangheta, corigliano-rossano, cosenza, morte sospetta, Stefani Steri, Vincenzo Curato, Cosenza, Calabria, Cronaca
Nel riquadro il collaboratore di giustizia Vincenzo Curato

È morto il collaboratore di giustizia Vincenzo Curato. Le sue rivelazioni contribuirono a far sciogliere per infiltrazione mafiosa il comune di Corigliano Calabro nel 2011. La dipartita risalirebbe a quasi un mese fa, precisamente lo scorso 31 ottobre. Il 43enne si trovava in una località segreta dove viveva ed era sottoposto allo speciale programma di protezione riservato ai pentiti di ‘ndrangheta da parte del Ministero dell’Interno.

A confermare la notizia pare sia stato proprio il legale del collaboratore di giustizia, l’avvocato Stefania Steri del foro di Roma, il quale non ha però precisato la causa del decesso. Curato era coriglianese d’adozione ma a Corigliano era noto come “Vicienz ‘u cassanisi” per le sue origini.

‘U cassanisi aveva alle spalle un rosario di precedenti penali: droga in particolare. Ma quando nel 2007 aveva alzato il suo “tiro” criminale, attraverso una serie di rapine compiute in alcune banche del Nord Italia a capo della sua banda coriglianese, la giustizia l’aveva inchiodato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X