Giovedì, 13 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo

San Donato, assolti gli ex sindaci Salvo e De Rose

di

Termina con l’assoluzione «perché il fatto non sussiste», la vicenda che ha visto implicati – in presunti reati ambientali – gli ex sindaci di San Donato di Ninea Luigi Salvo e Francesco De Rose, oltre ai tecnici Martino Ferraro, Mario Iania e Domenico Albanese.

I fatti contestati risalivano al periodo tra giugno e luglio del 2011 con “condotta perdurante”, ma gli imputati principali, compresi i due ex amministratori difesi dall’avvocato Domenico Brindisi di Mottafollone, sono stati assolti dal giudice monocratico presso il Tribunale di Castrovillari, Domenico Saporiti, perché appunto «il fatto non sussiste».

I capi d’imputazione riguardavano alcuni articoli del Codice penale nonché del Decreto legislativo 152/2006 perché – secondo l’accusa - «in esecuzione del medesimo disegno criminoso, in concorso tra loro, ognuno per le proprie qualità, scaricavano acque reflue non correttamente depurate provenienti dagl’impianti di depurazione comunale siti nelle località "Ficara", "Capoluogo” e "Licastro" di San Donato di Ninea, rispettivamente nelle acque dei torrenti "Macchiarelli, Rose e Grondo", senza autorizzazione e con superamento dei valori limite fissati dalla normativa specifica». ù

Il giudice ha assolto Luigi Salvo (già consigliere provinciale) e Francesco De Rose (conosciuto anche come medico riabilitatore del Cosenza calcio), oltre ai tre tecnici coinvolti nella vicenda, poiché – evidentemente - dai fatti esposti durante le varie udienze del dibattimento non sono emerse le responsabilità ascritte ai denunciati all’epoca dei fatti, riservandosi di depositare le motivazioni entro i canonici novanta giorni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X