Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
COSENZA

A Tarsia nasce il cimitero dei migranti vittime dei naufragi

cimitero internazionale migranti, cimitero migranti Tarsia, migranti Tarsia, tarsia, Aylan Kurdi, Francesco Sansone, Mario Oliverio, Roberto Ameruso, Cosenza, Calabria, Cronaca

Il cimitero internazionale dei migranti prende forma a Tarsia, nel Cosentino. Questa mattina, alla posa della prima pietra, erano presenti il sindaco di Tarsia, Roberto Ameruso, i progettisti Fernando Miglietta e Donato D'Anzi, e il responsabile dell'ufficio tecnico comunale, Francesco Sansone, il quale ha proceduto alla consegna dei lavori alla ditta aggiudicataria. L'obiettivo del cimitero, secondo quanto spiegato dall'amministrazione comunale, è quello di garantire dignità alla morte dei migranti che perdono la vita nei tragici naufragi del Mediterraneo.

Questa mattina sono entrati in azione gli escavatori. I lavori di sbancamento hanno riguardato un terreno collinare di oltre 28mila metri quadri immerso tra gli ulivi secolari, il Lago e il vecchio camposanto comunale, in parte ebraico. E a breve distanza si trova l'ex campo di concentramento fascista più grande d'Italia, quello di Ferramonti. A dare il via, simbolicamente, ai lavori è stato il presidente del movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che ha voluto e lottato ininterrottamente per ottenere quest'opera.

Il cimitero dei migranti, che sarù intitolato al bambino siriano Aylan Kurdi, è stato finanziato, grazie al governatore Mario Oliverio, dalla Regione Calabria con un primo contributo di 220mila euro. Grande soddisfazione è stata espressa da parte di tutti. Il sindaco ha parlato di "un segnale di pace per il mondo che parte da questo piccolo paese, simbolo di accoglienza".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook