Giovedì, 17 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
COSENZA

Cassano, inaugurato un centro per i senza fissa dimora intitolato a un prete ucciso

Un centro di prima accoglienza per i senza dimora dedicato a padre Lazzaro Longobardi, il prete che aiutava gli ultimi e che è stato ucciso a sprangate da un romeno nella notte del 2 marzo 2014 a Sibari, davanti chiesa di San Giuseppe, è stato inaugurato oggi.

Il centro è situato proprio nei pressi della chiesa di San Giuseppe ed è dotato di sei posti letto, cucina, servizi igienici, sala mensa, con la dotazione di un centro d'ascolto concepito come antenna per percepire i bisogni del territorio. Il centro è stato voluto fortemente dal vescovo di Cassano mons. Francesco Savino. "Sarà un segno di speranza per tutti coloro che si trovano in situazioni di povertà e accoglierà uno dei tre centri di ascolto vicariali della Caritas", ha detto il presule.

"La diocesi di Cassano - ha aggiunto mons. Savino - è dalla parte degli ultimi, partiamo dalle pietre scartate, da quelli che papa Francesco chiama la carne viva di Cristo, i rifiutati, gli scartati perché poi possano diventare le strutture portanti della chiesa fatta di persone. L'accoglienza è nel cuore del vangelo e di ogni cattolico. Sottolineo che i centri di Ascolto sono antenne che captano i bisogni. Luoghi d'incontro dove la persona in difficoltà viene ascoltata, accolta e accompagnata in un cammino di promozione e di emancipazione della persona stessa". Il centro verrà gestito dalla Caritas diocesana in collaborazione con gli operatori della Caritas parrocchiale e i volontari della parrocchia San Giuseppe.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X