Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Ex Jolly di Cosenza, il sindaco presenta un esposto per abuso d'ufficio

di
esposto ex jolly cosenza, ex jolly cosenza, museo alarico cosenza, Mario Occhiuto, Cosenza, Calabria, Cronaca
La demolizione dell'ecomostro. Foto Franco Arena

Abuso d’ufficio è il reato indicato (assieme a «quant’altro sia ravvisabile quale condotta penalmente rilevante») dal sindaco Mario Occhiuto nella denuncia presentata nelle settimane passate ai procuratori della Repubblica di Roma e Cosenza, e per conoscenza al consiglio superiore della magistratura e al ministro dei beni culturali. L’istanza del primo cittadino è legata ai lavori di demolizione dell’ex Jolly per realizzare al suo posto il Museo di Alarico.

L’esposto è aperto da un’introduzione storica che cita i pareri di Edoardo Galli e Marina Mattei sulla morte in città di Alarico. Dopodiché Occhiuto passa all’attacco, ipotizzando la creazione d’un «circuito finalizzato all’opposizione aprioristica ed ideologica. A sentire il denunciante, si legge sulla Gazzetta del Sud in edicola, «si starebbe tentando di inquinare una progettualità tanto ambiziosa».

Nella denuncia sono poi messe nero su bianco le presunte pressioni che avrebbe ricevuto il funzionario della Provincia responsabile del procedimento per il nulla osta paesaggistico. Ha riferito al sindaco di «essere stato contatto e di avere ricevuto pressioni» da un funzionario ministeriale «al fine di non procedere al rilascio del nulla osta».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook