Lunedì, 11 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
ESTORSIONI

Gli imprenditori denunciano le estorsioni: arrestato Bloise, "boss della montagna a S. Domenica Talao"

Arrestato il boss della montagna a Santa Domenica Talao. All’alba di oggi i carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Scalea hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip distrettuale di Catanzaro, su richiesta della Dda, a carico di Giuseppe Bloise per due distinti episodi di estorsione e tentata estorsione, aggravati dal metodo mafioso, in danno di imprese appaltatrici di lavori pubblici eseguiti nel comune di Santa Domenica Talao.

Le indagini, coordinate dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, sono partite dalle denunce presentate dagli imprenditori taglieggiati e, già nel settembre scorso, hanno portato all’arresto in flagranza del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso di Pasquale Forestieri e Lorenzo Pandolfi.

Bloise, per affermare il potere criminale sul territorio ed assumere il controllo delle attività economiche, si avvaleva di alcuni soggetti al suo servizio, impiegati per l’esecuzione materiale delle estorsioni. Le indagini hanno fatto emergere che queste persone, dopo aver effettuato atti intimidatori contro le imprese appaltatrici di lavori pubblici che operavano in zona, avvicinavano i responsabili delle aziende richiedendo cospicue somme di denaro.

In particolare, lo scorso settembre, in seguito alla denuncia di un imprenditore, i carabinieri di Scalea hanno organizzato una consegna controllata sono riusciti a bloccare e ad arrestare gli estorsori. Gli inquirenti sono riusciti a risalire al mandante della richiesta estorsiva che era Bloise che, fra l'altro, mesi prima aveva avvicinato personalmente un altro imprenditore impegnato in lavori pubblici avanzando un'analoga richiesta.

La vicinanza di Bloise a contesti criminali era già emersa nel 2010 nell'indagine “Overloading”, sviluppata  dalla Compagnia di Scalea, in collaborazione con i Carabinieri della Compagnia di Paola ed il Goa della Guardia di finanza di Catanzaro, sotto la direzione della Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook