Sabato, 20 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
L'ACCORDO

Acquappesa, salvi i lavoratori delle Terme Luigiane

di

«Siamo emozionati. Tutti hanno contribuito alla risoluzione di questa vertenza che rischiava di annientare ognuno di noi e le nostre famiglie. Il bene dei lavoratori, infatti, è stato messo al centro del tavolo congiunto in prefettura. S’è considerata l’emergenza di tutelare i livelli occupazionali, le prestazioni sanitarie e l’economia locale; tutti questi fattori hanno portato alla risposta che aspettavamo con ansia: le Terme Luigiane riapriranno. Il nostro lavoro per ora è salvo».
A stento trattengono le lacrime i dipendenti degli stabilimenti termali tirrenici, che accolgono l’esito del tavolo tecnico sotto la prefettura di Cosenza, con abbracci e urla di gioia. Un tripudio comprensibile in considerazione dei dubbi, delle trattative serrate e di tutto il resto vissuto in questi giorni.

La riunione convocata ieri mattina dal prefetto di Cosenza, Paola Galeone, riserva nel cilindro una bella sorpresa per loro: le parti, dopo un proficuo confronto, hanno trovato un accordo che s’inserisce nella necessità di salvaguardare i lavoratori, le prestazioni sanitarie e l’indotto. Si decide per il prosieguo delle attività fino all’effettivo subentro del nuovo contraente delle acque.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook