Venerdì, 24 Maggio 2019
stampa
Dimensione testo
LASTRE DI ETERNIT

Allarme amianto a Paola, killer silenzioso ma implacabile

amianto a Paola, lastre in eternit, materiale cancerogeno, statale 18, Rosario Mandarini, Cosenza, Calabria, Cronaca
Lastre di eternit

Di amianto si muore. Fiumi, cigli di strade e colline sono stati per anni contaminati dalla presenza di lastre in eternit, materiale altamente inquinante. In un anno e mezzo, dal luglio 2017 al dicembre 2018, ne sono stati rinvenuti e messi in sicurezza la bellezza di 60mila chilogrammi. Numeri imponenti, forse anche troppo, per una città come Paola che conta poco più di 16mila abitanti.

Abitazioni, rifugi per animali, interi condomini, ma anche canne fumarie e tubature sono state negli anni rivestite da materiale altamente cancerogeno la cui presenza è marcata nelle costruzioni che, fino al 1996, ne facevano ancora largamente uso. Anche le tubature dell'acqua erano state realizzate nel dopoguerra facendo largo uso a materiali contenti amianto.

L'attività del nucleo ambiente di cui è responsabile Rosario Mandarini in questi anni non ha conosciuto sosta. E in particolare negli ultimi mesi che si è intensificata. A essere interessati sono stati anche i cigli dei fiumi (il torrente Isca e lo Spagnolo), aree collinari e zone nei pressi della statale 18. Diverse sono state le denunce alla Procura della Repubblica di Paola.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook