Sabato, 25 Maggio 2019
stampa
Dimensione testo
DEGRADO

Cosenza, storici edifici murati e senza futuro: si attendono azioni dal Comune

di
Comune di Cosenza, edifici murati, ex Ricovero Umberto Primo, incursioni vandaliche, tavolo tecnico, Cosenza, Calabria, Cronaca
Comune di Cosenza

Porte e finestre murate per impedire l'accesso ad estranei e malintenzionati. Le targhe che riportano il nome della struttura oscurate dalla fitta vegetazione. Degrado che impera a corrente alternata. Cancellato periodicamente da lame e fili dei decespugliatori impugnati dagli operai delle Cooperative B. Storie di edifici dimenticati. Abbandonati. Trascurati. Beni comuni dove pure sono stati spesi fior di quattrini per interventi di messa in sicurezza in attesa che gli enti proprietari trovassero una definitiva soluzione. Soldi spesi a vuoto. In un silenzio assordante.

L'ex Ricovero Umberto Primo, su colle Pancrazio, ai piedi del Castello Svevo di Cosenza, attende da anni che Provincia, Comune e Azienda sanitaria si siedano intorno a un tavolo e decidano cosa fare di quell'edificio devastato da incursioni vandaliche, incendiato anche un paio di volta, depredato di quelle poche cose di valore rimaste dopo che cessò l'attività di assistenza per persone povere.

Si spesero anche alcuni miliardi di vecchie lire per riparare il tetto, ripulire alcuni interni, nel momento in cui sembrava che l'edificio con annessa una chiesetta dovesse essere trasformato in una Residenza sanitaria assistita. Poi, il progetto fallì. I soldi finirono, di lavori nessuna altra traccia. L'ex Ricovero divenne rifugio di sbandati, senzatetto e meta di tossicodipendenti con tanto di lettino dove assumere le sostanze stupefacenti. Fino a quando, finalmente, non si decise di chiudere con blocchi di cemento porte e finestre. Ma da allora non si è saputo più nulla.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook