Martedì, 15 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
INCHIESTA CONCLUSA

Medico morto all'Annunziata di Cosenza, cinque colleghi rinviati a giudizio

Un intervento di routine, compiuto su un medico, Maria Barca, da suoi colleghi dell'Annunziata. La dottoressa Barca si era ricoverata nel reparto di Ostetricia e Ginecologia per sottoporsi ad un intervento non urgente di asportazione videolaparoscopica di una cisti ovarica. Nessuno avrebbe mai immaginato che in pochi giorni la paziente sarebbe deceduta per sindrome da disfunzione multiorgano.

L'inchiesta, aperta dopo il decesso, si è conclusa con l'incriminazione di cinque medici. La morte di Maria Barca, secondo le conclusioni dei consulenti nominati dalla pubblica accusa, sarebbe stata determinata da un'esfoliazione della parete intestinale evoluta in repentina perforazione. Da qui l'infezione che, secondo l'accusa, sarebbe stata sottovalutata e diagnosticata in ritardo.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook