Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA PROTESTA

Emergenza rifiuti a Marano Principato, gli operai occupano il Comune

Un’altra giornata “calda” a Marano Principato sul fronte dei rifiuti. L’emergenza continua e gli animi sono sempre più agitati. Infatti, nella giornata di ieri un gruppo di operai ha occupato il Comune. I dipendenti della vecchia cooperativa - che si era occupata in passato della raccolta rifiuti - sono preoccupati per il loro futuro professionale dal momento che - per una serie di questioni (anche burocratiche e tecniche) dal 2 novembre non c’è al momento una ditta che svolge questo servizio.

Una situazione complessa alla quale il sindaco Luigi Pulice, nei giorni scorsi, ha cercato di rimediare emanando un’ordinanza di urgenza e affidando il servizio temporaneamente a Calabria Maceri che dovrebbe intervenire nell’emergenza e occuparsi della raccolta rifiuti. Ma i dipendenti della vecchia cooperativa (che ora non svolge più il servizio a Marano) sono in ansia, così come le loro famiglie. Ecco perché hanno deciso di manifestare la loro preoccupazione attraverso una occupazione pacifica del Municipio. Cercano uno spiraglio di salvezza e attendono risposte. Il sindaco Pulice ha assicurato di fare il possibile e di cercare nei prossimi giorni una soluzione.

Ieri, nel tardo pomeriggio, anche alcuni cittadini sono andati al Comune per esprimere solidarietà ai lavoratori. Una vicinanza espressa pure da Silvio Carbone, consigliere comunale del Gruppo Misto: «Sono qui per solidarietà a questi ragazzi perché  sono consapevole che il lavoro è un problema serio in questa regione. In Calabria non ci possiamo permettere di licenziare nessuno perché solo così si combatte la desertificazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook