Lunedì, 01 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Arena, morto il primo contagiato da Covid residente nella frazione Piani
CORONAVIRUS

Arena, morto il primo contagiato da Covid residente nella frazione Piani

Si tratta di Giuseppe Martino, 75 anni, che aveva contratto il virus durante le feste natalizie e, da subito, le sue condizioni sono apparse di una gravità tale da rendere necessario il ricovero al Pugliese di Catanzaro, dove è rimasto per quasi due mesi
arena, morto primo contagiato, Giuseppe Martino, Cosenza, Cronaca
Uno scorcio dell'ospedale "Pugliese" di Catanzaro

Il comprensorio dell’Alto Mesima registra il primo decesso come conseguenza del Coronavirus. Nella mattinata di mercoledì, infatti, presso l’ospedale di Catanzaro dove era ricoverato dallo scorso 30 dicembre, si è spento il primo contagiato nella popolosa frazione Piani di Arena, dove è durata poco la gioia per la notizia recente dell’uscita dalla zona rossa. A comunicarlo il sindaco, Nino Schinella, che ha espresso profondo dolore ed inviato un messaggio di cordoglio ai familiari. Si tratta di Giuseppe Martino, 75 anni, che aveva contratto il virus durante le feste natalizie e, da subito, le sue condizioni sono apparse di una gravità tale da rendere necessario il ricovero al Pugliese di Catanzaro, dove è rimasto per quasi due mesi. Questi, tuttavia, non sono bastati a salvargli la vita, interrotta stamattina a causa di una degenerazione repentina delle condizioni di salute che hanno determinato un arresto cardiaco, nonostante fosse guarito dal contagio. L’anziano, che evidentemente era affetto da patologie pregresse, è stato il primo di una lunga serie di contagi fatti registrare a Piani, dove il numero complessivo è arrivato a sfiorare quota quaranta, circa il 10 percento della popolazione. Proprio questo dato, alto rispetto ai residenti, aveva fatto in modo che, su richiesta del primo cittadino, la regione dichiarasse la zona rossa per la sola frazione, inizialmente fissata in quindici giorni e poi prorogata di un’ulteriore settimana. Negli ultimi giorni, invece, si era registrato un significativo calo dei casi generali in paese, ridottisi gradatamente a 16, due dei quali ancora ospedalizzati. Appunto per questo era stata decretata l’uscita dalla zona ristretta e la laboriosa popolazione aveva potuto quindi tirare un sospiro di sollievo, tornando alle liberta precedenti. Sollievo che è durato pochissimo, cancellato di netto dalla notizia del decesso, che ha portato dolore e sconforto in tutto il paese.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook