Mercoledì, 21 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ocalan concittadino "scomodo" di Rende: scontro politico ai supplementari
LO SCONTRO

Ocalan concittadino "scomodo" di Rende: scontro politico ai supplementari

di
L’ultimo consiglio comunale si trascina una coda polemica sul riconoscimento della cittadinanza onoraria al leader curdo
Cosenza, Cronaca
Il Comune di Rende

Più che la cittadinanza onoraria, quella di Öcalan rischia di diventare un nuovo casus belli anche a queste latitudini. «Abbiamo inteso rimarcare l’attenzione sui diritti civili: pensiamo sia un atto dovuto sottolineare come gli stessi diritti umani siano negati in Turchia. Rende manda oggi un segnale preciso alla politica nazionale che mai ha affrontato realmente tale problematica». Il sindaco Manna ha così commentato a margine della seduta dell’ultimo consiglio comunale che ha votato a favore del conferimento della cittadinanza onoraria al leader curdo. Il voto, in aula, però non ha convinto tutti.

Eugenio Aceto e Rachele Cava, di Forza Italia, «coerenti con quanto espresso nelle riunioni di maggioranza e nelle commissioni» hanno abbandonato i lavori pur di non alzare la mano. Stesso discorso per il consigliere Luciano Bonanno: «Rispetto il pensiero dei miei colleghi su Öcalan, ma non lo condivido. Inoltre, considerando le diverse problematiche in cui versa la nostra città, anche a causa della pandemia, non condivido neanche il momento storico per cui una simile proposta di cittadinanza possa essere portata al vaglio del consiglio comunale», ha spiegato oggi alla nostra testata. Alcuni hanno fatto notare anche altre assenze “strategiche”, come ad esempio quella di Fabio Marchiotti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook