Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crisi Terme Luigiane, attesa per la risposta della Regione. Rimane lo stato di mobilitazione
LO STALLO

Crisi Terme Luigiane, attesa per la risposta della Regione. Rimane lo stato di mobilitazione

di

Sulla crisi delle Terme Luigiane vi è grande attesa per l'intervento risolutivo promesso da Nino Spirlì, presidente facente funzioni della Regione Calabria.

I lavoratori rimangono in stato di mobilitazione. Ieri sera a tarda ora ad ultimatum scaduto, è arrivata la risposta alla proposta della Sateca per la continuazione delle attività termali. "Il solito gioco al rialzo - spiegano i lavoratori- che questa volta è evidentemente sfuggito di mano.

A fronte di una richiesta della Sateca di 40 litri/secondo di acqua termale calda, minimo necessario per come certificato da uno tra i massimi esperti in Italia di ingegneria idraulica, i Comuni hanno dato disponibilità a fornirne solo 10 l/sec alla "modica" cifra di euro 373.000,00 annui. Nella missiva è anche specificato che la richiesta di 40 l/sec (di cui solo 16 di acqua calda) avrebbe un costo di “appena” € 1.000.742,40".

I lavoratori giudicano assurda la richiesta "trova immediato riscontro nell’avviso esplorativo (quello spacciato per bando) che gli stessi due comuni hanno pubblicato settimane addietro e in cui per 40 l/sec di acqua termale e l’utilizzo degli immobili di proprietà comunale, si richiedono € 70.000,00 annui. Quindi, ci si chiede, come mai alla Sateca l’acqua verrebbe a costare più di 5 volte rispetto ad un eventuale altro soggetto"?

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook