Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, Occhiuto chiede il ripristino della linea ferroviaria esistente negli anni '80
TRASPORTI

Cosenza, Occhiuto chiede il ripristino della linea ferroviaria esistente negli anni '80

cosenza, stazione, vaglio lise, Mario Occhiuto, Cosenza, Cronaca
Stazione di Vaglio Lise a Cosenza

Il Sindaco Mario Occhiuto ha indirizzato una lettera ai vertici di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) e Trenitalia e al Presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, per chiedere, nell'ottica della ottimizzazione dei collegamenti della città di Cosenza con il resto della Calabria ed anche con altre regioni, come la Basilicata e la Campania, il ripristino, attraverso il trasporto ferroviario regionale, della linea a scartamento ordinario esistente, al fine di integrarla con la rimanente parte di infrastruttura nazionale.

“Da tempo – scrive Occhiuto nella lettera indirizzata al Presidente di RFI Anna Masutti, all'Amministratrice delegata, sempre di RFI, Vera Fiorani, all'AD di Trenitalia Luigi Corradi e al Presidente della giunta regionale Nino Spirlì - stiamo ragionando nella direzione di attivare tutte quelle possibili soluzioni che possano consentire di utilizzare al meglio il sistema trasportistico ferroviario per accorciare le distanze, favorendo in particolare il collegamento del centro città con altre località della provincia di Cosenza, anche per disincentivare l'utilizzo dei mezzi privati che finiscono irrimediabilmente con il congestionare il traffico automobilistico. Come non sfuggirà di certo alla vostra attenzione – sottolinea ancora nella lettera Occhiuto - il sistema di trasporto regionale su ferro in Calabria è assicurato attualmente da due operatori: - RFI che gestisce i treni Regionali sulla rete ferroviaria nazionale in base ad un contratto di servizio con ARTCal, stipulato per il periodo 2018-2032; - Ferrovie della Calabria S.r.l che gestisce i treni su rete ferroviaria a scartamento ridotto”. Occhiuto fa, inoltre, presente, che “i volumi di produzione del servizio, misurati in treni.km , sono di circa 6,4 milioni per i servizi su rete nazionale e di circa 1 milione su rete regionale a scartamento ridotto".

"In questo contesto – spiega ancora il primo cittadino - la città di Cosenza è collegata alla rete dell’infrastruttura nazionale con la stazione di Vaglio Lise, inaugurata a metà degli anni ’80 in concomitanza con l’apertura della nuova linea Cosenza – Paola (galleria Santomarco) che ha consentito tempi di collegamento tra la città di Cosenza e la costa tirrenica molto più competitivi rispetto a quelli stradali. L’apertura della nuova stazione di Vaglio Lise ha coinciso, pertanto, con il passaggio della stazione posta nel centro abitato ad un utilizzo esclusivo della linea a scartamento ridotto ed esercizio di Ferrovie della Calabria. La stazione di Vaglio Lise, seppur collegata al centro della città sia con servizi urbani gestiti dalla municipalizzata AMACO, che con quelli ferroviari (Ferrovie della Calabria) risente molto della sua posizione decentrata. Il necessario ricorso al cambio di mezzo pubblico per raggiungere il centro città – scrive ancora il Sindaco Occhiuto - allunga, infatti, inevitabilmente, i tempi di spostamento, quasi vanificando i vantaggi che si sono avuti, nel tempo, grazie alla realizzazione della galleria tra Paola e Cosenza, finendo quindi per penalizzare l’utilizzo del mezzo pubblico, a vantaggio del mezzo privato. Alla luce di quanto esposto, al fine di collegare il centro della città di Cosenza, attraverso il trasporto ferroviario regionale, - ribadisce il Sindaco -riteniamo ragionevole proporre il ripristino della linea a scartamento ordinario esistente fino alla modifica degli anni ‘80, al fine di integrarla con la rimanente parte di infrastruttura nazionale. Questa soluzione consentirebbe il collegamento ferroviario del centro della città con altre località della provincia cosentina (si pensi alla straordinaria opportunità di collegamento diretto con la stazione di Castiglione Cosentino e quindi con l’Università della Calabria) con le altre principali città della Calabria e con i servizi regionali che raggiungono altre regioni (Campania e Basilicata) oltre che, attraverso la stazione di Paola, con il resto d’Italia. Associando, inoltre, a questa proposta la rivisitazione del modello di servizio, si potrebbero avere degli indubbi benefici derivanti da una condizione logistica molto più favorevole, con un indotto positivo chiaramente anche sull’economia del capoluogo”.

Occhiuto ha chiesto, infine, ai vertici di RFI e Trenitalia e al Presidente Spirlì di sottoporre a valutazione, con le strutture preposte, primariamente Rete Ferroviaria Italiana, la sostenibilità tecnica di questo progetto, prevedendone, in caso positivo, il finanziamento all’interno dei piani di sviluppo della mobilità, in discussione a livello governativo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook