Martedì, 21 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, assunzioni della discordia all’Asp con ospedali e servizi in ginocchio
L'AFFONDO

Cosenza, assunzioni della discordia all’Asp con ospedali e servizi in ginocchio

di
Critiche di Mazzuca (Pd) alla delibera su 49 posti per disabili nel settore amministrativo
Cosenza, Cronaca
L'Asp di Cosenza

Altre assunzioni della discordia all’Azienda sanitaria provinciale. Se ne occupa Giuseppe Mazzuca, componente dell’assemblea nazionale del Pd. La delibera è la n. 944 del 27 scorso. «Con questo atto amministrativo - spiega Mazzuca - il commissario straordinario La Regina avvia le procedure per assumere a tempo pieno ed indeterminato 49 posti riservati ai disabili nel settore amministrativo. Quando c’è di mezzo l’Asp di Cosenza siamo abituati alle situazioni più grottesche e paradossali. Ci chiediamo se era proprio necessario adottare un provvedimento del genere mentre il Pronto soccorso dell’ospedale di Paola-Cetraro è a corto di personale, il reparto di Urologia di Cetraro non è in condizioni di operare e nel Poliambulatorio di Cosenza non ci sono cardiologi e i radiografi sono tutti rotti tanto da avere costretto un giovane a dovere compiere un pellegrinaggio senza meta da un ospedale all’altro per svolgere un esame di routine».
Dei mali della sanità locale si occupa pure il presidente della Associazione “Giorgio La Pira”, Antonio Belmonte, che chiede al presidente Nino Spirlì di compiere un atto simbolico consegnando le chiavi della Regione Calabria al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente del Consiglio Mario Draghi «per l’insostenibile situazione creatasi a seguito della prolungata gestione commissariale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook