Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La rivolta civile della gente di Corigliano Rossano
PROTESTA

La rivolta civile della gente di Corigliano Rossano

di
In migliaia in piazza per reclamare legalità e sicurezza e condannare la violenza criminale esplosa negli ultimi mesi

Corigliano Rossano è un’altra cosa. Qui la criminalità organizzata non attacca. E se qualcuno con il suo agire intende accostare questa città all’immagine di una città che lascia spazio al malaffare deve fare i conti con una società civile che non intende girarsi dall’altra parte, ma combattere ogni forma di illegalità. È un messaggio chiaro quello lanciato sabato sera da istituzioni, chiesa e associazioni nel corso del flash mob organizzato in risposta agli episodi di recrudescenza criminale che hanno messo a ferro e fuoco la città nelle ultime settimane. In piazza S. Bartolomeo, nel centro storico di Rossano, forse qualcuno si aspettava una presenza maggiore, ma l’importante è aver dato un segnale, anche e soprattutto di sinergia e compattezza istituzionale. Lo ha ben sintetizzato in uno dei suoi interventi S. E. l’Arcivescovo Mons. Maurizio Aloise che commentando l’organizzazione della manifestazione ha affermato: “La serata di oggi è come un chicco di senape, il più piccolo seme che c’è sulla terra, ma che una volta piantato produce un arbusto dove gli uccelli del cielo vanno a nidificare. Quindi, anche un piccolo seme che stasera viene messo nel campo buono che è la nostra comunità, sono sicuro che porterà buon frutto e diventerà un albero adulto, grande che porterà frutti speranza e di legalità”.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook