Sabato, 29 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corigliano Rossano, il “regno” di Carelli in mano alla nuova criminalità
IL BOSS

Corigliano Rossano, il “regno” di Carelli in mano alla nuova criminalità

di
Il vecchio mammasantissima morì nel febbraio del 2016

Adesso sono gli zingari e dettare legge. Le recenti inchieste della Dda di Catanzaro hanno illustrato, a grandi linee, il nuovo organigramma dei clan sibariti. I gruppi criminali sorti qua e là nel vasto territorio ionico debbono farci i conti con questo clan famigliare che ha esteso i suoi tentacoli ovunque. Persino a Corigliano un tempo roccaforte e capitale del regno di Santo Carelli, ultimo padrino di quel che si potrebbe definire “l’ancient regime” della criminalità organizzata della fascia ionica cosentina. La cui morte, avvenuta il 19 febbraio del 2016, ha messo un sigillo su un’epoca ormai lontana e distante dalle logiche criminali del nuovo gruppo egemone. Santo Carelli, è morto a 67 anni. Il mammasantissima ha chiuso gli occhi sul mondo in un’età in cui la gente comune solitamente va in pensione o comincia fare i conti con la pensione.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook