Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, vertenza infermieri. Sindacati e lavoratori proclamano lo stato di agitazione
LA PROTESTA

Cosenza, vertenza infermieri. Sindacati e lavoratori proclamano lo stato di agitazione

Le sigle sindacali sottolineano la grave carenza di personale sanitario che ha portato nel tempo e non solo con la pandemia all'accorpamento di più reparti

Nei giorni scorsi presso la biblioteca dell'azienda ospedaliera di Cosenza si sono riuniti i segretari aziendali di NURSING UP, CISL, CGIL, UIL, FIALS ed FSI USAE. "Le scriventi O.S. segnalano ancora una volta - si legge in una nota - la grave carenza di personale sanitario che ha portato nel tempo e non solo con la pandemia all'accorpamento di più reparti. Le figure sanitarie (Infermieri, OSS, tecnici di radiologia, Ostetriche, etc..) sono poche, per non parlare delle prossime scadenze di tanti contratti a tempo determinato".

"Nonostante la problematica è stata portata all'attenzione del commissario più volte - prosegue la nota delle sigle sindacali - la risposta è tardata o è risultata del tutto insoddisfacente. Nella disamina rientrano soprattutto i sanitari afferenti al comparto, lavoratori che portano sulle proprie spalle un cospicuo impegno fisico. Che il problema esista in sanità non è una grande scoperta per gli addetti ai lavori e generalizzare il tutto ventilando abusi dei benefici contrattuali risulta come al solito un’esagerazione che sposta l’attenzione dalle cause del problema ai lavoratori. Bisognerebbe chiedersi a chi giova scaricare le responsabilità sui singoli! I sanitari vivono tutti i giorni ingiustizie e talvolta impotenti e rassegnati vedono i "manager di turno" addirittura premiati per gli obiettivi raggiunti, la domanda è: "Quali obiettivi sono stati conseguiti?"

Intanto il personale continua a lavorare con turni e carichi di lavoro estenuanti al fine di garantire un minimo di assistenza sanitaria ai pazienti. Questa forbice sempre più stretta rispetto all'impegno psico fisico di tutti i sanitari rende sempre più sacrificato il lavoro in corsia e se a tutto questo aggiungiamo che la premialità covid è diventata un miraggio ( a differenza delle altre regioni) la bilancia propende su un solo lato causato anche da fattori impliciti come stress e vita privata.
I carichi di lavoro, il demansionamento, il lavoro a turni in sé, la difficoltà ad usufruire delle ferie maturate sono solo la punta dell’iceberg. Sotto il pelo dell’acqua si trova la mancanza di motivazione dovuta a modelli organizzativi superati, assenza o carenza di servizi ai dipendenti come mense, convenzioni che in altre realtà sono di gran lunga superiori in termini di qualità e quantità.

Si potrebbe andare avanti - proseguono - esaminando vari fattori, che tendono a far fuggire il personale dedicato all’assistenza dalle corsie, bisognerebbe invece invertire la rotta verso la giusta direzione: mettere in campo strategie che rendano “accettabile” il lavoro in corsia e garantire i LEA (livelli essenziali di assistenza) e i LEP (livelli essenziali delle prestazioni). Basterebbe organizzare il lavoro coinvolgendo veramente il personale nel raggiungimento degli obiettivi, stimolandolo e valorizzandolo come risorsa indispensabile per l’ente.
Per tutte queste ragioni le scriventi O.S. - conclude la nota - a breve chiederanno un incontro urgente con il prefetto di Cosenza per discutere di tali problematiche. Proclamato lo stato di agitazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook