Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Operazione "Portofino": a Corigliano Rossano tutti condannati per spaccio di droga
NEL COSENTINO

Operazione "Portofino": a Corigliano Rossano tutti condannati per spaccio di droga

di
Patteggiamento e rito abbreviato

Prime condanne per i soggetti coinvolti nella recente operazione antidroga denominata “Portofino”. Si tratta di coloro i quali hanno scelto o il patteggiamento o di essere giudicati con rito alternativo. Tra questi vi sono anche Vincenzo e Pasquale Aquino, padre e figlio, nonché rispettivamente figlio e nipote di quel Pasquale Aquino, 57 anni, ucciso nei giorni scorsi a colpi di pistola in un agguato davanti casa a Schiavonea. Come si ricorderà l’operazione Portofino è stata condotta dalla Polizia di Stato nello scorso mese di settembre, con gli uomini della polizia giudiziaria di del commissariato di pubblica sicurezza di Corigliano Rossano che hanno rivoltato come un calzino le piazze di spaccio della città, da Piazza Bernardino Le fosse a Rossano, passando per piazza Salotto a Corigliano e infine, proprio piazzetta Portofino a Schiavonea, da cui ha preso il nome l’intera operazione. Il 25 settembre 2021 gli agenti di polizia hanno eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Castrovillari, Lelio Forte, su richiesta della Procura di Castrovillari nei confronti di altrettanti soggetti, accusati, a vario titolo, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e di reati in materia di stupefacenti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook