Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, mobilitazione per salvare la celebre Officina delle Arti
PATRIMONIO

Cosenza, mobilitazione per salvare la celebre Officina delle Arti

di
Il direttore Edoardo Tarsia annuncia sui social la cessione di arredi e scenografie
Cosenza, Cronaca
teatro officina delle arti cs

L’Officina delle Arti chiude. E un patrimonio culturale della città rischia di andare perduto per sempre. Il fondatore e animatore della struttura che tanto ha fatto in questi anni ha deciso di lasciare la nostra regione e andare all’estero. L’Officina non ha mai funzionato con il sostegno di denaro pubblico ed è sempre andata avanti grazie all’affetto del pubblico. Prima la pandemia, ora la crisi economica che in generale ha investito la Calabria hanno indotto l’attore, autore e regista teatrale a cambiare strada. tenere in piedi una struttura teatrale è davvero complicato: da qui l’annuncio sui social della messa in vendita di arredi e scenografie.

Per chi conosce Tarsia è davvero un colpo al cuore. Una realtà tanto importante e significativa meriterebbe infatti di non finire così. Simona Loizzo, capogruppo della lega in consiglio regionale e cosentina doc, interviene sulla vicenda. È l’unica voce al momento registrata in ambito politico-istituzionale: "La paventata chiusura del Teatro officina delle arti va scongiurata ad ogni costo. Quando un teatro chiude una città si spegne diceva Ionesco e sarebbe grave se l'officina delle arti non trovasse una soluzione ai suoi problemi. Presidio culturale del centro storico - afferma Simona Loizzo - e luogo di sperimentazione, il teatro è diventato un punto di riferimento per ogni età ed ha avvicinato famiglie e giovani alla tradizione culturale della rappresentazione".

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook