Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cetraro, il terrore seminato sul Tirreno dalla «costola» del clan Muto

Cetraro, il terrore seminato sul Tirreno dalla «costola» del clan Muto

di
Il pentito Giuseppe Montemurro racconta gli affari delle nuove leve
Cosenza, Cronaca
Nicola Gratteri e Vincenzo Capomolla

L’amicizia con il «gruppo di fuoco». Le nuove leve dei clan, coinvolte nel blitz di giovedì scorso, non avrebbero esitato a vantare i rapporti con la potente cosca Muto di Cetraro. È quanto emerge anche dalle intercettazioni finite nell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Luca Occhiuzzi, Attilio Brusca, Lorenzo Iorio, Piefrancesco Maccari e Fedele Cipolla. In una lite, captata dagli inquirenti, tra Occhiuzzi e la sua fidanzata. Quest’ultima inveisce dicendogli: «Sei da quelli potenti… sei da quelli che tu credi potenti. Loro possono tutto, loro possono picchiare, possono ammazzare, sono forti, scannano». A supporto di queste parole, gli inquirenti incrociano altri precedenti di polizia di Occhiuzzi e ulteriori elementi che contribuiscono a descrivere il suo profilo criminale tanto da inserirlo tra i «fiancheggiatori» della cosca Muto. Secondo le indagini, coordinate dal procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, lo stesso Occhiuzzi avrebbe più volte vantato «costanti e ininterrotte» frequentazioni con appartenenti al sodalizio mafioso tra i quali rientrano anche i componenti di quello che viene definito il «gruppo di fuoco» della ’ndrina. In particolare, è emerso uno stretto rapporto tra Occhiuzzi e Fedele Cipolla, indagato nello stesso blitz di giovedì scorso.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook