Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cetraro, lo scandalo della salma dimenticata in obitorio
IL CASO

Cetraro, lo scandalo della salma dimenticata in obitorio

di
Nessuno è ancora intervenuto. Si tratta di una donna della quale nessuno vuole pagare le spese funebri

Una salma dimenticata in obitorio, una donna che attende degna sepoltura, e due comuni ancora imbrigliati nelle matasse burocratiche. Del corpo di Rocca D’Andrea “congelato” da un anno in una cella frigorifero dell’Ospedale di Cetraro sembra che nessuno voglia occuparsene. La donna nata a Sarno in Campania, residente a Cirella di Diamante, è deceduta a 59 anni. Ha cessato la sua esistenza terrena nel reparto di medicina del nosocomio Gino Iannelli di Cetraro il 14 ottobre 2021.
Non c’è un fiore, né tantomeno una foto o un ricordo di questa donna in quelle anguste e fredde stanze dell’obitorio di Cetraro. Secondo il vicesindaco di Diamante Pino Pascale «la donna si trova nella cella dell’obitorio di Cetraro non certo per colpa del Comune di Diamante. La legge è chiara in merito perché la sepoltura, in casi come questo o di indigenza, deve avvenire a carico dell’ente in cui è avvenuto il decesso anche se la residenza è altrove.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook