Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Castrovillari, doppia assoluzione per l’ex procuratore Facciolla
LE INCHIESTE

Castrovillari, doppia assoluzione per l’ex procuratore Facciolla

di
Non ordinò indagini abusive contro il capo della Dda di Catanzaro e il suo ex aggiunto e non rivelò segreti d’ufficio. Il magistrato è stato censurato solo per alcune conversazioni con un pm
Cosenza, Cronaca
Eugenio Facciolla

Il magistrato ed ex capo della Procura di Castrovillari, Eugenio Facciolla, non ordinò indagini abusive contro il procuratore della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e il suo ex aggiunto Vincenzo Luberto e non rivelò segreti istruttori o rilevanti all’imprenditore romano Nicola Inforzato in merito al procedimento Tela del Ragno al quale stava lavorando.
Lo ha deciso ieri la sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura al termine del processo svoltosi a Palazzo dei Marescialli. La procura generale della Cassazione, aveva invocato la perdita di sei mesi d’anzianità e il trasferimento ad altra sede.
Il Magistrato cosentino doveva rispondere di tre capi d’incolpazione: le presunte rivelazioni fatte a Nicola Inforzato sul fatto di dover interrogare un collaboratore di giustizia a Roma (nel caso di specie il pentito Franco Bruzzese, sentito da Facciolla, nell’ambito dell’inchiesta “Tela del Ragno”); della presunta campagna mediatica contro alcuni magistrati calabresi, e le presunte indagini abusive contro Nicola Gratteri e Vincenzo Luberto, e le presunte pressioni fatte su alcuni suoi sottoposti quanto era alla guida della Procura del Pollino in merito a una serie di indagini sulla famiglia Greco di Cariati.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook