Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, il racket ha suonato la ritirata durante le feste natalizie
NIENTE BATTICASSA

Cosenza, il racket ha suonato la ritirata durante le feste natalizie

di
In calo intimidazioni ed estorsioni rispetto al dicembre 2021: è l’effetto dell’offensiva antimafia degli ultimi mesi

La “bacinella” è rimasta vuota. Il Natale quest’anno per le cosche confederate bruzie è stato povero. L’offensiva della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha privato le consorterie locali di boss, picciotti e gregari lasciando le strade più... libere. E così, il solito “batticassa” previsto nei giorni antecedenti alla notte più bella dell’anno, è clamorosamente fallito. Dai “clienti” abituali dell’«anonima racket spa» non s’è presentato nessuno a riscuotere le rate concordate. E nessuno s’è messo, nel contempo, a seminare bottiglie incendiarie, accendini e pallottole in giro per cantieri e attività commerciali dell’area urbana.

Per la prima volta gli “ambasciatori del pizzo” non si sono fatti avanti a riscuotere e quanti, tra gli imprenditori, si sono “messi a posto” l’hanno fatto di loro iniziativa per non perdere il vizio di piegare la testa in silenzio e sentirsi... tranquilli. Si tratta - è evidente - di un fatto epocale confermato, peraltro, dai dati statistici.
«I numeri riferiti ad attentati e intimidazioni» spiega il questore Michele Maria Spina «segnano un calo nettissimo rispetto al 2021. Credo sia frutto degli esiti della operazione “Reset” ma pure delle attività di monitoraggio e controllo compiuto dalle forze di polizia».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook