Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, Imu e acqua è record di evasione
IL DATO

Cosenza, Imu e acqua è record di evasione

di
Il recupero della tassa sugli immobili nel 2021 si è fermato al 5,429%, la svolta è attesa dalla nuova gestione della riscossione. In città ci sono almeno tremila allacci abusivi alla rete idrica. Scattano i controlli
Cosenza, Cronaca
Francesco Giordano

Le dimensioni del disavanzo del debito pubblico rappresentano l’ultimo miglio nella storia delle finanze di Cosenza, zavorrate da sempre da crediti difficilmente esigibili e prosciugate dalla cronica evasione tributaria. Sotto la maschera del formalismo contabile si dovranno chiudere le falle degli sprechi che in questi anni hanno spianato la strada verso il dissesto. E si dovrà necessariamente recuperare quelle voci da sempre “mancanti” nella contabilità di Palazzo dei Bruzi: Imu (il recupero evasione nel 2021 è stato del 5,429%), Tari ordinaria (37,69%), recupero dell’evasione della Tari (5,43%) e Cup ordinario (12,837%). La rinascita economica di Palazzo dei Bruzi passerà necessariamente da scelte politiche che dovranno essere impalcate sull’ottimizzazione e la razionalizzazione delle spese per i servizi essenziali che dovranno, comunque, essere garantiti alla città. E, naturalmente, si dovrà spingere su un maggiore impatto delle entrate tributarie. L’idea della rateizzazione delle cartelle del delegato, Raffaele Fuorivia, ad esempio, è l’apertura dell’ente a una diversa considerazione del cittadino-contribuente. Servirà una fede incrollabile per sperare in una riscossione efficace (secondo l’assessore Francesco Giordano, basterebbe raggiungere il 40% per avere riscontri contabili). Ma non sarà facile. Del resto, non lo è mai stato per nessun sindaco. È anche per questo che i conti del Municipio sono andati in rosso fino a sprofondare nel dissesto dichiarato nel 2019. La dimensione contabile più recente è quella del disavanzo certificato al 31 dicembre del 2021, di poco inferiore ai 24 milioni di euro (esattamente 23.885.932,99). Ma l’ultima Finanziaria dello Stato ha sparato il disavanzo a 219.875.320 euro. Un passivo enorme che genera una contabilità apparentemente insostenibile.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook