Lunedì, 01 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Corigliano Rossano è una città... che legge: premiata dal Centro per il libro
IL RICONOSCIMENTO

Corigliano Rossano è una città... che legge: premiata dal Centro per il libro

Il bando, approvato con deliberazione di giunta, riguarda la realizzazione di attività integrate

La città di Corigliano-Rossano ha ottenuto il riconoscimento di “Città che legge” 2020/2021”, iniziativa del Cepell, il Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. L’ambito riconoscimento viene assegnato alle città che si contraddistinguono per l’attenzione al tema del pieno accesso alla lettura ai propri cittadini. «Dalla lettura dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità: è con questa consapevolezza che il Centro per il libro», è la motivazione, «e la lettura ha deciso, attraverso la qualifica di Città che legge, di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura. L’intento è riconoscere e sostenere la crescita sociale e culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva».

Il bando

Il bando, approvato con deliberazione di giunta, riguarda la realizzazione di attività integrate per la promozione del libro e della lettura ed ha l'intento di riuscire a presentare una proposta progettuale. A disposizione c'è un totale di 800 mila euro, da assegnare a 27 progetti "esemplari", in grado di coinvolgere scuole, biblioteche, istituzioni e associazioni creando un ecosistema favorevole alla lettura. Sono ammissibili progetti di promozione della lettura nati attraverso la collaborazione tra le biblioteche e le altre strutture presenti nel territorio comunale scuole, istituti educativi e di promozione sociale, associazioni culturali, teatri, librerie, centri sportivi, consultori, circoli ricreativi, terzo settore e enti ecclesiastici o di culto che abbiano personalità giuridica. È possibile presentare domanda di adesione alla manifestazione d’interesse entro e non oltre le ore 12 del 23 febbraio 2021. «Stiamo lavorando incessantemente sulla rilevanza della lettura e del libro, secondo un'azione condivisa con la comunità - ha affermato l'assessore Novellis - cercando di sperimentare forme innovative nella gestione di attività di promozione della lettura, con l'apertura in biblioteca di sezioni specifiche dedicate a bambini/ragazzi, con particolare riferimento alle diverse abilità e con una attenzione particolare agli utenti con disabilità o che versano in difficili condizioni economiche».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook