Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
I DATI

Cosenza, la denuncia di Ecologia Oggi: "In città molti non pagano la Tari"

di

«In questa città ci sono moltissimi soggetti che non pagano la Tari». Da tempo Ecologia Oggi va segnalando la cosa ai competenti uffici comunali dopo i riscontri avuti dal personale impegnato nella distribuzione dei kit per la raccolta differenziata. Molti utenti che vanno a ritirare il materiale ai quali viene chiesto il numero di iscrizione o quello riportato sui vecchi contenitori fanno... spallucce.

Non risultano censiti. Quindi non pagano il tributo destinato a finanziare i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti (nel capoluogo bruzio la somma annua prevista è di circa 13 milioni di euro) che è dovuto da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che producono rifiuti.

La verità come al solito sta sempre nel mezzo. Nel senso che a Cosenza la Tari viene pagata da un buon 60% degli utenti. I dati mancati nella banca dati di Ecologia Oggi riguardano spesso utenti iscritti a ruolo da poco i cui nominativi non sono ancora visibili. Ma una buona fetta di residenti in effetti la cosiddetta “spazzatura” in effetti non la paga. Sfugge ai controlli.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Cosenza della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook