Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Mormanno, i lavoratori del Consorzio di bonifica protestano dopo un anno di stipendi non pagati
LA VERTENZA

Mormanno, i lavoratori del Consorzio di bonifica protestano dopo un anno di stipendi non pagati

Fai Cisl, Flai Cgil, Filbi Uil Cosenza: «Continueremo la mobilitazione. I lavoratori non garantiranno più il servizio irriguo agli agricoltori della Piana di Cammarata e delle Piana di Sibari»

Giornata di protesta davanti al Consorzio di bonifica di Mormanno, dove i lavoratori attendono ancora la corresponsione di ben dodici mensilità. Insieme a loro, a manifestare – nel rispetto delle misure di sicurezza per il contenimento del coronavirus – anche i rappresentanti delle tre sigle sindacali provinciali, rispettivamente i segretari generali Antonio Pisani (Fai Cisl), Silvano Lanciano (Flai Cgil) e Antonio Bloise (Filbi Uil).

«Gli operai e gli addetti del servizio irriguo e alla manutenzione degli impianti - dichiarano i sindacalisti in una nota unitaria - non possono più attendere. La situazione è gravissima, decine e decine di famiglie si trovano in grandissima difficoltà economica. Da tempo denunciamo le tante criticità che interessano quest’Ente consortile, ma ben pochi interventi sono stati posti in essere per risolvere la situazione. Per questi motivi, i lavoratori non garantiranno più il servizio irriguo agli agricoltori della Piana di Cammarata e delle Piana di Sibari. Siamo vicini alle tante realtà produttive agricole del nostro territorio, ma non possiamo più tollerare questo stato di cose. Finora le maestranze hanno continuato a lavorare, dimostrando grande responsabilità e spirito di sacrificio, ma è ovvio che in questo modo non si può più andare avanti, il limite di sopportazione è stato ampiamente superato, rabbia e frustrazione dei lavoratori sono comprensibili e la situazione rischia di diventare esplosiva. Da parte nostra la richiesta è semplice: fino a quando i lavoratori non riceveranno quello che gli spetta, la protesta andrà avanti, per tutelare un loro sacrosanto diritto. C’è bisogno che tutti si prendano le proprie responsabilità, politica e istituzioni, sedersi attorno a un tavolo e confrontarsi per dare risposte immediate e concrete».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook