Venerdì, 18 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Comune di Cosenza, bilancio riequilibrato: l'opposizione boccia Occhiuto
IN AULA

Comune di Cosenza, bilancio riequilibrato: l'opposizione boccia Occhiuto

di
comuni, Cosenza, Calabria, Politica

Prende fiato e corre su gambe forti l'opposizione a Palazzo dei Bruzi che prova a smascherare i limiti di una manovra economica salva-ente che questa mattina arriva in aula per il voto. Mario Occhiuto propone il suo progetto per il recupero di risorse e l'alleggerimento dell'indebitamento nell'ipotesi di Bilancio stabilmente riequilibrato che dovrà attraversare il triennio 2020-2022. Un documento unico di programmazione che l'opposizione etichetta come «la certificazione del fallimento politico e amministrativo di questa esperienza di governo targata Occhiuto».

La minoranza esplora il percorso ad ostacoli che ha spalancato le porte del dissesto tratteggiando l'analisi disastrosa che «ha avuto come risultato una città in ginocchio, costretta a subire pesanti tagli nei servizi essenziali per i cittadini. Già lo scorso anno il tentativo di far quadrare le risorse finanziarie venne bocciato dai Revisori e con la deliberazione della Corte dei conti numero 106-2019 è stata sancita la condizione di dissesto del Comune di Cosenza dopo aver verificato in maniera attenta e scrupolosa ciò che è accaduto negli anni 2015, 2016, 2017 e 2018. Sono stati raggiunti circa 350 milioni di debiti, oltre 200 milioni in più rispetto al 2011».

Un buco nero dal quale riaffiorano le richieste di liquidazione dei crediti vantati dai cittadini: «Ad oggi ne sono state protocollate circa 2.500. Sono quelle che i cosentini hanno formalizzato alla Commissione straordinaria perché vantano crediti nei confronti del Comune. Tra l'altro, considerando l'elevato numero di istanze, i commissari sono stati costretti a prorogare i termini al 9 agosto 2020. Il dottor Rosario Fusaro, nel corso della commissione Controllo e garanzia, ha sottolineato che l'Ente ha richiesto “la procedura semplificata, quindi il range di liquidazione nei confronti dei creditori, va dal 40 al 60%. Spera di avviare, entro la fine di agosto, le trattative di liquidazione con i creditori, una volta venuti a conoscenza della reale entità del debito che ha il Comune di Cosenza”».

Ma sulle finanze del Municipio aleggia il fantasma dei debiti fuori bilancio.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook