Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Cosenza, rivoluzionato Viale Mancini: a rischio finanziamenti per 160 milioni
VIABILITÀ

Cosenza, rivoluzionato Viale Mancini: a rischio finanziamenti per 160 milioni

di

Si continua a sfogliare la margherita. Ma i petali a disposizione sono sempre di meno e del percorso un tempo destinato alla metroleggera si sono perse le tracce. Viale Mancini è stato rivoluzionato per fare posto al Parco del Benessere che piano piano sta prendendo forma con la pista ciclabile che collega il capoluogo da sud a nord e vari spazi sociali dove la gente di tutte le età (sia pure attualmente frenata dalla disposizioni per fare fronte al contagio da Covid-19) può trovare momenti di svago. Ma del progetto che avrebbe dovuto rivoluzionare la mobilità nell'area urbana non si sente più parlare. Ha suscitato polemiche in quanto ritenuto inutile considerato il dato sull'utenza giornaliera prevista in proporzione alla spesa prevista di decine di milioni di euro. Come dire che il gioco non valeva la candela. Tra l'altro, rivoltando come un calzino viale Mancini, la città ha perso un asse viario fondamentale per la mobilità dell'area urbana.

Viale Mancini si è ridotto a un budello che in molte ore della giornata è intasato dalle auto a cui non si rinuncia tanto facilmente. È caduto il silenzio anche sul mezzo di trasporto sostitutivo della metroleggera, ossia bus ecosostenibili, con costi nettamente inferiori. Dal fronte sindacale e dai partiti che si sono da sempre schierati contro la metroleggera sono giunti in passato svariati appelli per destinare i fondi ad altri settori come welfare e sanità. Ora sull'argomento è tornata l'eurodeputato Laura Ferrara, che lancia l'ennesimo allarme e pone molti punti interrogativi sulla vicenda visto che si rischia di perdere un finanziamento di 160 milioni di euro. «Ancora oggi non si hanno notizie ufficiali circa la scelta di proseguire l'iter progettuale o l'opzione di realizzare piani alternativi alla Metrotranvia Cosenza-Rende» afferma Laura Ferrara occupandosi del sistema di collegamento metropolitano tra Cosenza, Rende e l'Università della Calabria. La rappresentante M5S chiede informazioni alla Commissione europea.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook