Martedì, 07 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Cosenza, è morto il decano degli architetti Empio Malara
CORDOGLIO

Cosenza, è morto il decano degli architetti Empio Malara

Il sindaco Franz Caruso: “Non solo un grande architetto, ma un visionario che aveva a cuore le sorti delle città”
Cosenza, Società
Empio Malara

Un precursore della modernità e tra gli antesignani della sostenibilità ambientale applicata all'architettura, ma anche il depositario di una visione delle città estremamente innovativa e al passo con i tempi”. Così il sindaco Franz Caruso nel ricordare la figura dell'architetto Empio Malara, decano degli architetti italiani, scomparso oggi. Il primo cittadino di Cosenza ha espresso profondo cordoglio, insieme a tutta l'Amministrazione comunale per la scomparsa di Empio Malara ed ha fatto pervenire ai familiari le più sentite condooglianze.

Fine urbanista – ha sottolineato ancora Franz Caruso – Empio Malara ha dato un contributo decisivo allo sviluppo della città di Rende del cui Piano regolatore è stato grande artefice. Formatosi a Milano, non recise mai il legame con la sua terra d'origine che ha fertilizzato con progetti sempre lungimiranti e di portata rivoluzionaria. Le sue teorie sui modelli di città urbanisticamente sostenibili hanno fatto scuola, illuminando il cammino di intere generazioni di architetti. Empio Malara – ha aggiunto Franz Caruso nel suo messaggio di cordoglio – è stato un visionario, nel senso più positivo del termine, qualità che non mancava di trasferire in articoli ed interventi pregni di significato e contenuti e che gli faceva accarezzare, fino alla scorsa estate, l'idea più volte vagheggiata, di una Grande Cosenza in grado di diventare, in un futuro neanche troppo lontano, la capitale della Calabria. Un sogno al quale Empio Malara non metteva limiti, né condizionamenti e che poggiava il suo fondamento su un processo di rigenerazione della Cosenza storica che lui definiva “Alta”. E alla Grande Cosenza, che aveva ribattezzato, appunto, città-Capitale, Malara attribuiva, demandando i collegamenti all'alta velocità, una centralità geografica regionale innegabile e baricentrica, con una potenzialità urbana di gran lunga superiore a tutte le altre città della Calabria. Il suo disegno della Cosenza del futuro non era disgiunto dalla necessità di valorizzare il patrimonio culturale e le bellezze paesaggistiche. E anche sulla realizzazione del nuovo Ospedale – ha detto ancora Franz Caruso - Malara ha dato sostegno alle nostre scelte rafforzandole con il suo autorevole punto di vista. Ne sentiremo la mancanza, ma i suoi insegnamenti e le sue intuizioni vanno additati alle nuove generazioni e a chi ha a cuore le sorti delle città”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook