Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Riqualificazione a Crosia: ripuliti tutti i fossi di scolo

Riqualificazione a Crosia: ripuliti tutti i fossi di scolo

Riqualificazione urbana: in queste ore sta proseguendo in modo intenso l’imponente attività di pulizia e bonifica dei fossi di scolo e dei ruscelli che solcano il territorio comunale, con particolare attenzione a quelli che attraversano il centro urbano di Mirto fino alla costa di Centofontane. Massima sinergia tra il Comune di Crosia e gli uffici del Consorzio di Bonifica bacini dello Jonio che stanno impegnando mezzi e uomini per l’importante attività di manutenzione.

È quanto fa sapere il sindaco Antonio Russo che, insieme all’assessore all’ambiente Emilio Cinelli, ha costantemente monitorato le attività di intervento, indicando priorità e punti critici.
«Nei giorni scorsi – dice il sindaco - con mezzi e operai dell’ufficio manutenzione e ambiente del Comune avevamo provveduto alla pulizia dei fossi comunali di piccolo calibro che necessitavano della normale manutenzione pre-estiva che viene eseguita ogni anno. Quest’anno, però, grazie al sostegno del Consorzio di Bonifica abbiamo avviato la manutenzione straordinaria di numerosi fossi torrentizi come Gesinale, Pantano e Fiumarella, e del fosso di scolo Decanato, il più importante corso d’acqua che attraversa l’intero centro urbano di Mirto sfociando a Centofontane. Lo abbiamo ripulito per intero dalla sorgente alla foce eliminando immensi volumi di sterpaglie, rovi e rifiuti. In alcuni tratti, inoltre – spiega ancora il primo cittadino – abbiamo ripristinato gli argini mettendoli in sicurezza. Questa ennesima attività di riqualificazione ambientale, di pulizia e bonifica, ci consentirà di avere un assetto urbano pulito e ordinato. Non solo, la pulizia dei fossi di scolo consentirà anche di avere acque più pulite negli sbocchi a mare con notevole vantaggio per le nostre spiagge che – conclude Russo - sono state per l’ottava volta consecutiva insignite della prestigiosa bandiera verde dei pediatri».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook