Sabato, 22 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Tragedia Raganello a Civita, al via processo ai sindaci: respinte le richieste di rinvio

Tragedia Raganello a Civita, al via processo ai sindaci: respinte le richieste di rinvio

Al via davanti al Tribunale di Castrovillari, il processo per la tragedia delle gole del Raganello a Civita, dove, a causa di una improvvisa ondata di piena, il 20 agosto 2018, morirono nove escursionisti e una guida. In aula gli imputati - i sindaci Franco Bettarini di Francavilla, Antonio Carlomagno di Cerchiara di Calabria, Antonio Cersosimo di San Lorenzo Bellizzi e Alessandro Tocci di Civita e Marco Massaro e Giovanni Vancieri amministratori di due agenzie turistiche - gli avvocati di parte civile e il pm Giovanni Tedeschi. L’udienza si è aperta con alcune richieste di costituzioni di parte civile e con quella dei difensori di rinviare il processo perché in Corte d’Appello, a Catanzaro, pende un’impugnativa della Procura generale sulle sentenze di non luogo a procedere del Gup Biagio Politano per alcuni capi di imputazione e per altri imputati originari del procedimento che inizialmente erano 14. Il Tribunale ha accolto la costituzione avanzata da alcune parti civili non ancora costituite e ha rigettato la richiesta di rinvio. Dopo aver accettato le liste testimoniali, i giudici hanno fissato tre udienze per il 25 marzo - quando inizierà l’escussione dei testi - il 13 maggio, e l'8 giugno prossimi. «Noi non vogliamo difenderci ma accusare. Riteniamo - ha detto l’avv. Riccardo Rosa difensore di Tocci - che questo procedimento debba essere ancora valutato e vagliato anche in termine di responsabilità. Non erano i sindaci che si dovevano indagare. Il mio assistito rappresenta l’agnello sacrificale e risulta oggi aggredito dalla magistratura. Preoccupa che penda un’impugnativa della Procura generale che rischia di portare a un procedimento parallelo». «Quanto successo credo che sia un evento imprevedibile e irripetibile, al di là delle allerta rosse, verdi o gialle, credo che sia una cosa facilmente dimostrabile e credo che questo procedimento lo dimostrerà» ha detto l’avv. Luca Donadio, difensore di Massaro. Di parere opposto uno degli avvocati di parte civile, Mattia Lancerotto: «Certamente ci sono numerosi segnali che portano a ritenere che si poteva fare di più, si poteva non sottovalutare quel tipo di segnalazioni che erano state date e si poteva allertare diversamente».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook