Domenica, 23 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Madre e figlia costrette a prostituirsi a Cosenza, il procuratore Spagnuolo: "Nulla di umano in questa vicenda"

Madre e figlia costrette a prostituirsi a Cosenza, il procuratore Spagnuolo: "Nulla di umano in questa vicenda"

"Oggi si parla di codice rosso, di tutela della donna: in questa vicenda non c'è più nulla di umano". Il procuratore di Cosenza Mario Spagnuolo commenta in maniera amara la vicenda dell'uomo 57enne che costringeva la moglie e la figlia e prostituirsi per pochi euro sotto ponti e cavalcavia della città.

Per il colonnello Piero Sutera, comandante provinciale dei carabinieri, si tratta di "una storia di inaudita violenza, la donna vessata con schiaffi e pugni e venduta per 5-10 euro"

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook