Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Calabra Maceri Parte dell’impianto sotto sequestro
RENDE

Calabra Maceri
Parte dell’impianto
sotto sequestro

calabra maceri, Cosenza, Archivio
calabra maceri

I miasmi della monnezza, denunciati dall’associazione “Crocevia”, hanno fatto detonare il blitz dei carabinieri per la Tutela ambientale (Noe) nell’area dove un tempo sorgeva la vecchia Legnochimica. Gl’investigatori dell’Arma in collaborazione con i detective della Compagnia di Rende dall’alba al tramonto, hanno esplorato ogni centimetro
dell’impianto di stoccaggio e del deposito preliminare e trattamento dei rifiuti della “Calabra Maceri e Servizi”, andando alla ricerca dei riscontri alle segnalazioni dell’associazione dei cittadini contenute nella denuncia. Un controllo che s’è concluso con il sequestro di un’area di 40mila metri quadrati, sprovvista di pavimentazione
industriale, di un pezzo di superficie scoperta di 10mila metri quadrati e di un capannone industriale di 20mila metri quadrati. Il sequestro è stato notificato all’amministratore unico e rappresentante legale della società per la ipotetica violazione della normativa ambientale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook