Domenica, 23 Settembre 2018
SCIOPERO

Mercoledi a Cosenza
mobilitazione sindacati

Torneranno in piazza a Cosenza, mercoledi prossimo,  a distanza di poco più di un mese dalla grande mobilitazione di Catanzaro i 23 mila lavoratori che usufruiscono di ammortizzatori sociali in deroga. Previsti due presidi sotto la sede INPS e davanti al prefettura.  CGIL-CISL e UIL hanno deciso: non c’è più tempo da perdere. Il governo deve mantenere gli accordi sottoscritti. Era stato lo stesso ministro Fornero a stanziare 30 milioni di euro per gli arretrati. Purtroppo, ad oggi non solo ci sono ritardi nell’erogazione dei sussidi che per alcune categorie arrivano a 12/18 mensilità, ma non si ha nessuna certezza per il 2013. Una ulteriore discriminazione per questa regione. Nelle altre  - come spiega Paolo Tramonti segretario regionale della CISL – i soldi li hanno già dati Quello degli ammortizzatori sociali in deroga è solo uno dei tasselli della grande precarietà calabrese che conta migliaia di lavoratori in cassa integrazione ordinaria e straordinaria, in mobilità, oltre il bacino degli LSU-LPU non ancora stabilizzati e tutti i precari con contratti a termine.Di fronte ad una situazione cosi drammatica, oltre 5 mila le nuove domande presentate negli ultimi mesi,  come può – affermano CGIL, CISL e UIL -  il governo non pagare quanto stabilito mentre continua a chiedere sacrifici immani ai cittadini? Da qui l’appello delle organizzazioni sindacali anche alla deputazione calabrese perché a Roma faccia valere le ragioni della Caloria, una delle regioni più colpite dalla crisi. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X