Venerdì, 21 Settembre 2018
TRUFFE

Estorcevano giocate
ricevitorie di Potenza
incassavano a Cosenza

cosenza, lottomatica, potenza, truffa, Cosenza, Calabria, Archivio

Ha toccato anche Cosenza l’inchiesta della procura di Potenza che stamani ha portato all’arresto di tre persone con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso. I tre, tra cui la figlia di un  presunto boss di Pignola (PZ), secondo gli inquirenti avevano organizzato una truffa ai danni della Lottomatica. Si fingevano tecnici informatici, entravano nelle ricevitorie e con la scusa di controllare i computer entravano nel sistema operativo giocando centinaia di numeri al “10 e lotto” . Avrebbero incassato in pochi mesi circa centomila euro, il danno allo stato sarebbe di 500 mila euro. Se i gestori si accorgevano della truffa venivano pesantemente minacciati. Le giocate generalmente venivano riscosse in ricevitorie di altre città, tra cui appunto Cosenza. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X