Domenica, 24 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Reperti archeologici restituiti allo Stato
CRONACA

Reperti archeologici
restituiti allo Stato

carabinieri, monete, soprintendenza, Cosenza, Calabria, Archivio
gazzetta del sud

497 monete, diversi monili e vari oggetti fittili, provento di attività investigative svolte dal Nucleo Tutela Patrimonio culturale di Cosenza, sono state consegnate questa mattina , in via definitiva alla Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria, Simonetta Bonomi. “La confisca- è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte il maggiore Raffele Giovinazzo, comandante del Nucleo Tutela Patrimonio culturale, il tenente colonnello Vincenzo Franzese e la soprintendente Bonomi- ed il loro rientro in Calabria rappresenta il frutto di un significativo impegno profuso nella lotta ai fenomeni delittuosi ai danni del patrimonio culturale nazionale e regionale” In particolare i reperti archeologici confiscati sono stati recuperati nell'ambito delle indagini “Archeoweb”, “Bretti”, “Eracle” e “San Sozonte” coordinate rispettivamente dalle Procure delal Repubblica di Cosenza, Crotone e da quella di Castrovillari. Sono stati i tribunali di Venezia, Vercelli, Ferrara, Firenze, Verbania e Reggio Calabria a procedere alle confische e alla restituzione dei reperti allo Stato. “ E' il coronamento - ha detto il maggiore Giovinazzo- di una lunga attività dei carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale, volta ad assicurare la piena fruibilità alle future generazioni ed appassionati di un fondamentale patrimonio archeologico che , altrimenti sarebbe andato perduto 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook