Venerdì, 22 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo
INIZIATIVE

Riforme istituzionali
le proposte della Cgil

cgil, cosenza, riforme, Cosenza, Calabria, Archivio
foto gazzetta del sud

Superamento del bicameralismo, con la nascita della Camera delle Regioni, e una nuova legge elettorale che ridia sovranità piena ai cittadini: sono due delle proposte di riforme istituzionali avanzate dalla Cgil nazionale nel documento dal significativo titolo ‘Semplificare per rafforzare’. Il documento, che si prefigge una modifica organica delle istituzioni democratiche, è stato illustrato oggi a Cosenza durante un confronto a più voci organizzato dalla Cgil calabrese. “Condividiamo appieno le proposte della Cgil nazionale e ci impegnamo a promuovere tutte le iniziative necessarie a farle conoscere” ha affermato Giovanni Donato, segretario della Cgil di Cosenza, introducendo i lavori. “Un punto di sofferenza della democrazia nella nostra regione è la pervasività della ‘ndrangheta negli enti locali – ha aggiunto Michele Gravano, segretario della Cgil Calabria -. Per questo vedo con favore l’iniziativa di Soverato dove i sindaci stanno facendo fronte comune contro la criminalità. Così come giudico molto positivamente la processione per la legalità di Scalea”. Il professore Pietro Ciarlo, costituzionalista e membro della Commissione di studio dei 35, ha fatto il punto sui lavori dell’organismo voluto dal governo Letta. “In particolare stiamo affrontando la riforma del bicameralismo, la riforma del Titolo V della Costituzione, una nuova forma di governo e il cambiamento della legge elettorale - ha spiegato il professore Ciarlo -. Personalmente sono contrario alla Camera delle Regioni, che però è sostenuta dalla maggioranza dei miei colleghi. Se questa Camera delle Regioni dovrà nascere, auspico che sia a suffragio universale”.  “Tra agosto e settembre elaboreremo un testo che poi l’esecutivo girerà al Parlamento – ha assicurato il professore Ciarlo -. Sono consapevole delle difficoltà di un percorso di riforme istituzionali, ma penso che potranno essere indicati agevolmente una nuova legge elettorale e dei cambiamenti del Titolo V della Costituzione”. Spazio quindi al dibattito con gli interventi dei rappresentanti istituzionali e del mondo accademico invitati all’incontro: Sandro Principe, capogruppo regionale del Pd, Gianpaolo Chiappetta, capogruppo regionale del Pdl, il professore Alessandro Mazzitelli, docente dell’Unical, Mario Oliverio, presidente della Provincia di Cosenza, e Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro. Le conclusioni sono state affidate a Danilo Barbi, segretario confederale della Cgil nazionale, che ha illustrato nel dettaglio la proposta del sindacato, soffermandosi su alcuni aspetti fondamentali: il rafforzamento del Parlamento europeo, una maggiore centralità del Parlamento italiano rispetto al Governo, l’istituzione della Camera delle Regioni e delle autonomie locali, una riforma del Titolo V della Costituzione e della pubblica amministrazione, il varo di una Carta delle autonomie locali che definisca, evitando inutili sovrapposizioni, le competenze di Province, Città metropolitane e Comuni. “In questo quadro le Province vanno superate come livello costituzionale, nella parte ordinamentale, e devono diventare organismi di seconda istanza – ha evidenziato Barbi -. Le Regioni, inoltre, devono essere esclusivamente organi di programmazione e di legislazione e non di gestione”. “E’ necessario accompagnare i processi di riforma istituzionale con politiche del lavoro adeguate – ha concluso Barbi -. Politiche che portino, ad esempio, al superamento della precarietà e favoriscano l’accesso mirato di nuove e qualificate professionalità”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X