Martedì, 18 Settembre 2018
COSENZA

Taglio buoni libro
l'assessore si incatena

comune cosenza, geppino de rose, protesta scuola, taglio buoni libro, Cosenza, Calabria, Archivio
geppino de rose

Tra le istantanee dell’inizio anno scolastico 2013 in Calabria  non ci sono solo i tradizionali saluti istituzionali, il vociare di alunni e studenti, zaino in spalla, l’immancabile monito-appello  dei sindacati, c’è anche,  ed è forte, emblematica,  la protesta di un amministratore locale, l’assessore alla scuola del comune di Cosenza,  Geppino De Rose, che stamani si è incatenato davanti la scuola elementare Cuturella di Via Popilia, uno dei quartieri più popolosi e difficili della città dei bruzi.  Un gesto forte contro quello che viene definito un attentato al diritto allo studio per le famiglie meno abbienti, il taglio del 56% comunicato dalla regione al municipio bruzio sulla fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo. “Il taglio dei bonus libri – ha detto De Rose -  da 450 mila euro a poco più di 190 mila, comporta un rischio enorme, circa 2400 famiglie consentine non potranno comprare i libri ai figli”. L’assessore punta l’indice contro il silenzio assordante di tutti i partiti politici e dei sindacati e poi una provocazione: “Mi autodenuncio, fotocopierò i libri per le famiglie”. L’assessore ha informato della situazione anche il Ministro Carrozza. I tagli ai fondi per assicurare i libri alle famiglie meno abbienti, ultimo atto di un processo di smantellamento della scuola pubblica, sono stati negli ultimi anni pesantissimi, fatti con la mannaia.  A fronte di ciò si può ancora parlare di scuola pubblica e di diritto allo studio? Che futuro può avere la Calabria se perde anche l’opportunità dell’istruzione?

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook