Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Congressi in Calabria i riverberi romani
PD

Congressi in Calabria
i riverberi romani

congresso, cosenza, ernesto magorno, pd, peppe fioroni, Cosenza, Calabria, Archivio

Mentre in Calabria tiene banco la questione congresso  regionale e il rinvio al 2014 deciso da Epifani, la giornata romana del Pd "versione congressi", comincia con uno scambio di "cortesie" tra Ernesto Magorno e Peppe Fioroni, appena "chiusa" la partita delle candidature per i provinciali, in questo caso quello di Cosenza,  in pratica,  a "giochi fatti" e a caselle riempite. I due s'incontrano "casualmente" in un attimo di pausa, tra una seduta e l'altra, nei corridoi di Montecitorio come scrive Attilio Sabato su Gazzetta del Sud. L'ex sindaco di Diamante  "focalizza" subito che questa è un'occasione ghiotta  da non perdere, per "punzecchiare", insinuare "dubbi" e chissà...Lui è  uno dei capi corrente che popolano la galassia del Pd, tra le altre cose è posizionato dall'altra parte e, quindi... Si avvicina, gli stringe la mano e con tono oscillante, a metà strada tra il serioso e l’en passant gli rifila una polpetta avvelenata : "Complimenti, avete candidato Guglielmelli a Cosenza, è un' ottima scelta".  Fioroni, non si scompone, perché non è proprio  un politico di "primo pelo", ha sulle spalle  una lunga frequentazione con la politica, e poi proviene dalla Dc, partito che negli anni "gongolanti" era popolato, tra gli altri, anche da una  discreta "comitiva" di furbacchioni, tant'è che vigeva la regola interna: dire sempre il contrario di quello che si pensa per evitare di essere "scoperti". Aver frequentato una scuola così rende "invulnerabili"  a certe "insinuazioni dietrologiche", tant'è che  la risposta arriva immediata e fulminante: "Complimenti a voi per Laratta".  In entrambi c'è la consapevolezza, evidentemente, di aver scelto, forse, rinunciando a qualcosa, in tal senso il botta e risposta è emblematico. La cosa, però non si ferma qui, perché i due continuano a "darsele" con "eleganza". E, allora, riparte Magorno che prima sgombra il campo da "fraintendimenti" e "equivoci", blindando l'amico Laratta : "E' un ottimo candidato", per poi immettere un elemento "divisivo" nel tentativo si sparigliare : "Perché non avete scelto Pirillo?". L'intento era quello di creare "imbarazzo", ma l'ex ministro se la cava così : "Scelta condivisa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook